Sono registrati al Network n. 1256 utenti.
èramoderna home page

Mostre prossimi 7 giorni

Pittura, Personale.
24/04/2014 -
Pittura
25/04/2014 -
Pittura, Fotografia, Videoarte.
26/04/2014 -
Fotografia
26/04/2014 -
Pittura
29/04/2014 () -
Pittura, Scultura, Collettiva.
30/04/2014 -
Fotografia
02/05/2014 -

Mostre d'arte in corso

Venerdì 25 aprile 2014
Pittura, Scultura, Collettiva.
Dal 06/04/2014 al 27/04/2014
Pittura
Dal 02/12/2013 al 30/04/2014
Pittura
Dal 12/04/2014 () al 30/04/2014
Pittura, Personale.
Dal 18/04/2014 al 01/05/2014
Pittura
Dal 25/04/2014 al 01/05/2014

Vernissage prossimi 3 giorni

Pittura
25/04/2014-
Pittura, Fotografia, Videoarte.
26/04/2014-
Fotografia
26/04/2014-
Pittura, Personale.
26/04/2014-

Finissage

Pittura, Scultura, Collettiva.
27/04/2014 -
Versione stampabile Send to friend

Hokusai e Hiroshige - Stampe giapponesi

Altro
Artisti in mostra
HOKUSAI KATSUSHIKA e HIROSHIGE ANDO
Orari
Vernissage:
05/05/2011
Apertura:
05/05/2011 ()
Chiusura:
13/05/2011 ()
Location Caiati
via Gesù 17
Milano (MI) Italy

Telefono: 0115625834-011 534154-3355849696
Cellulare: non disponibile
Fax: non disponibile


Orario spazio espositivo: 
11-13 e 14-19
Costo biglietto: 
gratuito
Curatori
Silverio Salamon
Ufficio Stampa
Anna Orsi - PressArt<br /> 3356783927 - 0289010225<br /> anna.orsi@pressart.eu<br /> anna.orsi@alice.it<br /> ufficiostampa@pressart.eu
Inserita da: PressArt
Hokusai e Hiroshige - Stampe giapponesi
apri la mappa

Silverio Salamon sarà a Milano dal 5 al 14 maggio 2010 con la mostra “HOKUSAI E HIROSHIGE – STAMPE GIAPPONESI”: una selezione delle opere più importanti e conosciute dei due indiscussi maestri giapponesi.
Hokusai e Hiroshige, sublimi paesaggisti, hanno segnato un punto di svolta nella cultura, non solo iconografica, giapponese.
Con loro il mondo naturale assume dignità pari a quella dell’uomo. Se prima la natura, seppur tratteggiata con maestria e sensibilità, ha rappresentato il contorno a scene di vita, nelle loro opere diventa protagonista. Nelle stampe di Hokusai e Hiroshige si scoprono cieli e mari, alberi e animali non come subalterni all’uomo ma come i principi che ne regolano la quotidianità.

Una visione che ha affascinato l’Europa nel momento in cui era pronta alla svolta impressionista, non è azzardato affermare che le stampe di Hokusai e Hiroshige hanno “sfondato” l’anima dell’occidente, segnando le basi dell’arte moderna.

Da Caiati in Via Gesù 17, Silverio Salamon esporrà 24 stampe famose quanto esemplari, che comprendono almeno 6/7 tra i capolavori indiscussi, più conosciuti dei due maestri, e presenti nell’immaginario collettivo. Queste 24 opere saranno documentate in un catalogo ricco di apparati storico, scientifici e bibliografici. A questi 24 “titoli” si affianca una selezione di una trentina di altre eccellenti stampe, ugualmente affascinanti e non meno rappresentative.
La tiratura, la conservazione, i colori che sono rigorosamente descritti per ogni singolo foglio esposto fanno di “HOKUSAI E HIROSHIGE – STAMPE GIAPPONESI” una mostra che parla il più raffinato linguaggio collezionistico, mentre la notorietà dei titoli la apre a un interesse più vasto.

HOKUSAI KATSUSHIKA (Edo-Tokyo, 1760 – Akasuka, 1849)
La produzione di Hokusai si estende nell’arco di settantanni durante i quali alterna una ricchezza di stili che di volta in volta si adattano al divenire del suo spirito e all’evoluzione della sua sensibilità. Il numero di opere eseguite è impressionante, la varietà dei soggetti lo è altrettanto: da scene teatrali a squisiti surimono, dalle illustrazioni di poemi ai libri di novelle, su tutto le serie di paesaggi che annoverano alcune tra le sue opere più conosciute come le Trentasei vedute del monte Fuji o La Grande onda di Kanagawa, ma anche Viaggio lungo i ponti nelle diverse provincie o Viaggio lungo le cascate nelle diverse provincie, Otto vedute delle isole Ryukyu e Neve, luna e fiori.

HIROSHIGE ANDO (EDO-TOKYO, 1797 – 1858)
Vero cantore della natura Hiroshige trova le radici della sua arte nello studio dello stile nanga, scuola di pittura di derivazione cinese incentrata sulla fedele riproduzione del mondo naturale, che accompagna all’approfondimento della pittura occidentale. La sua spiccata sensibilità per il mondo naturale non gli impedisce di effigiare attori, guerrieri e belle donne, fiori e uccelli. Il suo nome resta legato alla sottile e pacata atmosfera, alla calma e incontaminata bellezza dei luoghi illuminati dal sole o svelati dalla luce argentea della luna, dalla pioggia rada o che cade come una cortina davanti a piccoli uomini e grandi ponti, dalla neve che imbianca le gole o si adagia ovattando villaggi e colline: Pioggia di notte a Karasaki, La veduta della stazione di Seba e la serie di Vedute con le più famose Cento vedute di Edo, di cui Van Gogh ne replico due ad olio nel 1888.

Segnala la mostra:  


Commenti