Sono registrati al Network n. 1254 utenti.
èramoderna home page

Mostre prossimi 7 giorni

Pittura, Personale.
23/04/2014 -
Pittura, Personale.
24/04/2014 -
Pittura
25/04/2014 -
Pittura, Fotografia, Videoarte.
26/04/2014 -
Fotografia
26/04/2014 -
Pittura
29/04/2014 () -
Pittura, Scultura, Collettiva.
30/04/2014 -

Mostre d'arte in corso

Mercoledì 23 aprile 2014
Scultura
Dal 08/04/2014 al 24/04/2014
Pittura, Scultura, Collettiva.
Dal 06/04/2014 al 27/04/2014
Pittura
Dal 02/12/2013 al 30/04/2014
Pittura
Dal 12/04/2014 () al 30/04/2014
Pittura, Personale.
Dal 18/04/2014 al 01/05/2014

Vernissage prossimi 3 giorni

Pittura, Personale.
24/04/2014-
Pittura
25/04/2014-
Pittura, Fotografia, Videoarte.
26/04/2014-
Fotografia
26/04/2014-
Pittura, Personale.
26/04/2014-

Finissage

Versione stampabile Send to friend

Diego Magliani: l’illusionista post-moderno della pittura

Pittura
Artisti in mostra
Diego Magliani
Orari
Vernissage:
3 Marzo, 2012 - 22:00
Apertura:
3 Marzo, 2012 - 22:00
Chiusura:
31 Marzo, 2012 - 23:30
Location Cafè Del Mar
Viale della Repubblica
57023 Cecina (LI) IT

Telefono: non disponibile
Cellulare: 338.7648731
Fax: non disponibile
Sito web: non disponibile
Email: non disponibile
Orario spazio espositivo: 
tutti i giorni, nell’orario continuato 7-24
Curatori
Adamo Matteo, Marco Mosca
Ufficio Stampa
Elena Capone
Inserita da: Elena Capone
mostra d'arte inserita da Elena Capone
apri la mappa

Raffinato, disorientante, seducente, sensoriale, ispirato, ma soprattutto indipendente e libero: è il messaggio pittorico diDiego Magliani, che rimette al centro l’eccellenza esecutiva del disegno, definito però dalla dialettica di buio totale e colore luminoso ed “accecante”, e rende instabilmente suadente, e quasi impercettibile, come ben intuito da Alessandra Rontini, il confine tra realtà e illusione, tra statica e dinamica, negativo e positivo.
 
IlCafè Del Mar a Cecina mare (LI), in Viale della Repubblica 123, ospita dasabato 3 marzo 2012, la personale del vertiginoso talento autodidatta livornese, classe 1970, Diego Magliani, a cominciare dalvernissage notturno delle ore 22, subito prima del concerto diValerio e Adriana Hamilton su repertori pop-rock(ore 22.30).
 
Luce cibernetica per volti reali, riconoscibili, codificabili nei contorni quanto alieni nel ruolo spazio-temporale, con predilezione per la diagonale, quasi a rendere non completamente protagonista il soggetto rispetto alle coordinate del qui e ora, proiettandolo in un ambiente temporale indefinibile, ma reale nella tridimensionalità percettiva riuscita.
 
Icone pop o da fumetto d’autore, o scene dalla gioventù della società contemporanea globalizzata, precipitati dai personaggi del cinema, o del gioco elettronico evoluto, sono gli abitanti di un nuovo ambiente espressionista, più futuribile che contemporaneo, ma anche una sorta di romanticismo retrò in ambiente fantascientifico dominato da una “maschera” che diviene riflessione in profondità sui livelli del Sé e dell’Io, al ritmo “acido”, e talvolta simbolico, del colore.
 
Contaminato dal video, nostalgico della fotografia, Diego Magliani è un ricercatore di caratteri, sentimenti, quesiti esistenziali non secondari. Una riflessione che accompagna con la forza della fantasia e dell’immaginazione. E l’Uomo è ancora al centro, in un Umanesimo proprio, che lascia il suo segno di stile, a tratti auto-ironico, nella commedia dolce e amara di un’epoca.
 
“Impegno, passione” e un certo “sprezzo del tempo” poiché Diego Magliani, artista autodidatta da otto anni, ma con all’attivo oltre trenta mostre collettive, tre personali e la partecipazione al Premio Rotonda città di Livorno, quando disegna o dipinge, lascia il campo alla più estrema e svincolata ispirazione. “Non so chi ho intorno, non so che giorno è” racconta, “inizio con la mano libera, che va dove vuole”. E il tempo è relativo per un ricercatore che  “rufola” come in un cesto di giocattoli, alleato con la fantasia, nelle tasche della vita. Vita indomabile, come gli stessi oli con cui stende i contorni nitidi, ma sfuggenti del suo mondo, illusorio eppure reale, quanto vibrante ed eloquente il grido verso un luogo più autentico per la “proiezione” caleidoscopica dell’essere.
 
La mostra, ad ingresso libero, è aperta fino al 31 marzo 2012, tutti i giorni, nell’orario continuato 7-24, di apertura del Caffè. Info: Adamo 339.7526075, Marco 338.7648731.

Segnala la mostra:  


Commenti