Sono registrati al Network n. 1245 utenti.
èramoderna home page

Mostre prossimi 7 giorni

Pittura, Personale.
18/04/2014 -
Fotografia
19/04/2014 -
Pittura, Personale.
24/04/2014 -
Pittura
25/04/2014 -
Fotografia
26/04/2014 -

Mostre d'arte in corso

Sabato 19 aprile 2014
Scultura
Dal 05/04/2014 al 23/04/2014
Scultura
Dal 08/04/2014 al 24/04/2014
Pittura, Scultura, Collettiva.
Dal 06/04/2014 al 27/04/2014
Pittura
Dal 02/12/2013 al 30/04/2014
Pittura
Dal 12/04/2014 () al 30/04/2014

Vernissage prossimi 3 giorni

Fotografia
19/04/2014-
Versione stampabile Send to friend

L'umano sentire

Pittura, Personale.
Artisti in mostra
Luigi Forgini
Orari
Vernissage:
8 Settembre, 2012 - 18:00
Apertura:
9 Settembre, 2012 ()
Chiusura:
21 Settembre, 2012 - 19:30
Location Galleria Rettori Tribbio
Piazza Vecchia
34121 Trieste (TS) IT

Telefono: 040 370365
Cellulare: 3356756940
Fax: non disponibile

Orario spazio espositivo: 
feriali 10.00 - 12.30 e 17.00 - 19.30 / festivi 10.00 - 12.00 (venerdì e lunedì chiuso)
Costo biglietto: 
ingresso libero
Curatori
Marianna Accerboni
Ufficio Stampa Informazione non disponibile
Documenti allegati
Inserita da: Marianna Accerboni
mostra d'arte inserita da Marianna Accerboni
apri la mappa

L’UMANO SENTIRE DI LUIGI FORGINI:ALLA GALLERIA RETTORI TRIBBIO DI TRIESTE LA MOSTRA PERSONALE DELL’ARTISTA TRIESTINO
 
Galleria Rettori Tribbio 2 · Trieste
8· 21 settembre 2012
a cura di Marianna Accerboni
 
Inaugurazione sabato 8 settembre ore 18.00
 
S’inaugurasabato 8 settembre 2012 alle ore 18.00 alla Galleria Rettori Tribbio2 (Piazza Vecchia, 6) di Trieste la mostra intitolataL’umano sentire di Luigi Forgini, chesarà introdotto dall’architetto Marianna Accerboni, curatrice dell’esposizione. La rassegnaproponeuna quarantina di opere recenti di gusto figurativo realizzate tutte a olio su tela e cartone telato. Visitabilefino al 21 settembre(orario: feriali 10.00 - 12.30 e 17.00 - 19.30/ festivi 10.00 - 12.00/ venerdì e lunedì chiuso).
 
Un “amarcord” delicato e vitale- scrive Accerboni- rappresenta il filo conduttore della creatività del pittore triestino Luigi Forgini, espressa mediante pennellate vivaci e armoniose: la realtà agreste, simbolizzata attraverso la tranquilla, quasi bucolica, operosità della gente di campagna, è resa per esempio attraverso brillanti colpi di luce che suggeriscono un’interpretazione positiva di questo e degli altri temi affrontati dall’artista nella sua pittura, quasi sempre inondati dal sole e avvolti nella luce oppure colti in controluce.
La medesima impostazione luministica e briosa, sostenuta da un ottimismo convinto, che potremmo definire quasi soave, ritorna nel paesaggio carsico e nell’effervescente rappresentazione della vita e delle architetture triestine: osservando il vivo contrappunto cromatico del mercato, sembra quasi di udire il vivace cicaleccio della gente e delle venderigole di oggi e di ieri. E così, il brusio dei clienti traspare nella rappresentazione di un antico caffè o il tono più rumoroso degli avventori nell’immagine di un’osteria, mentre poco più in là, sull’antico masegno che pavimentava (e ancor oggi in parte pavimenta) le strade di Trieste, scivolano le carrozze e par di cogliere il fruscio di lunghi abiti femminili.
I mestieri sono pure un soggetto prediletto da Forgini, che li descrive con umana partecipazione: sentire comune in tutti i dipinti dell’artista, il quale, assieme al pittore Riccardo Tosti, che gli fu maestro, ha saputo condividere proprio questo modo così speciale e attraente d’interpretare la vita.
Ma Trieste è anche città di mare: ed ecco il pittore cogliere lo sciabordio delle acque, i tramonti infuocati, le luminose vedute notturne, le attività della pesca, il profumo della tempesta imminente, il Portovecchio, narrati attraverso un linguaggio d’ispirazione postimpressionista, permeato di una ricca, ineffabile luminosità coloristica e di una tensione che,- conclude Accerboni -sostenuta da un valido segno grafico, guarda da lontano anche alla tradizione pittorica del secondo ‘800 del Nord Italia.
 
Luigi Forgini, nato a Trieste nel 1934, ha frequentato il Liceo Artistico di Venezia, affinando quindi la sua pittura con i maestri Carlo Pacifico e Riccardo Tosti.  In particolare a Tosti, allievo di Carlo Wostry, Forgini deve l’apprendimento di un’intensa e luminosa lezione chiaroscurale, che rappresenta il Leitmotiv delle sue opere. A partire dal 1974 ha allestito una trentina di mostre personali a Trieste e in altre città italiane.
 
DOVE: Galleria Rettori Tribbio 2 · Piazza Vecchia, 6 · Trieste
QUANDO: 8 – 21 settembre 2012
ORARIO: feriali 10.00 - 12.30 e 17.00 - 19.30 / festivi 10.00 - 12.00 (venerdì e lunedì chiuso)
A CURA DI: Marianna Accerboni
INFO: 3356750946
 
Con cortese preghiera di pubblicazione / diffusione

Segnala la mostra:  


Commenti